PERSONALE SANITARIO PER TUTTI, TUTTI PER IL PERSONALE SANITARIO

In società che invecchiano come quelle europee, il numero di malati cronici che ha bisogno di assistenza sanitaria di lungo termine è in crescita, e con esso la domanda di personale sanitario: entro il 2020 nel continente avremo un milione di operatori sanitari qualificati in meno del necessario.
La carenza di personale sanitario è globale: ben 57 Paesi nel mondo – in maggioranza in Africa – hanno carenze critiche di personale sanitario, e un miliardo di persone al mondo non vedrà mai un operatore sanitario nel corso di tutta la vita.
Se il mercato del lavoro diventa sempre più globalizzato, la domanda di personale sanitario e la capacità di attrarlo modella sempre più la mobilità e le migrazioni degli operatori: i Paesi europei, inclusa l’Italia, hanno adottato ad esempio la Blue Card, una sorta di corsia preferenziale che mira ad attrarre lavoratori altamente qualificati formati in Paesi extra europei – tra cui medici, infermieri, ostetriche – verso l’Italia e l’Europa.
Il reclutamento di operatori sanitari qualificati all’estero, però, rischia di aggravare le carenze di personale in altri sistemi sanitari, non solo nei Paesi a risorse limitate, ma anche in Europa, accrescendo le diseguaglianze in salute tra Paesi. La stessa Italia, Paese di arrivo per migliaia di infermieri extra europei fino a poco tempo fa, rischia di tramutarsi oggi, a causa dei tagli alla spesa sanitaria, in un Paese da cui medici e infermieri partono per cercare lavoro all’estero, vanificando così gli investimenti fatti in formazione di questi operatori negli anni passati.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riconosciuto questa situazione, adottando nel maggio 2010 un Codice di Condotta sul Reclutamento Internazionale di Personale Sanitario – cui l’Italia stessa ha aderito – che mira ad evitare che la concorrenza internazionale in materia di “attrazione di personale sanitario” si faccia a spese dei Paesi a risorse più scarse.
AMREF Italia, nell’ambito della coalizione europea “Health Workers for all, all for Health Workers/Personale sanitario per tutti, tutti per il personale sanitario”, animata da organizzazioni della società civile in Belgio, Regno Unito, Italia, Germania, Polonia, Romania, Spagna e Paesi Bassi – lavora per accrescere la coerenza tra le politiche sanitarie e di cooperazione internazionale di questi otto Paesi, in una prospettiva di crescente sostenibilità del personale sanitario. L’obiettivo è quello di mettere in rete i decisori negli otto Paesi e fornire loro adeguati strumenti di analisi e azione politica.

Wall

HW4A alla Commissione Ue: la Direttiva sulla Blue card va aggiornata

Nonostante la crisi occupazionale europea che non smette di aggravarsi, la risposta istituzionale sembra essere molto debole. Non solo nei Paesi membri, ma anche a livello europeo. La Commissione, a seguito delle forti pressioni esercitate dai continui flussi migratori, ha aperto una consultazione pubblica sulla efficacia della Direttiva sulla Blue card (Council Directive 2009/50/EC): lo […]

Leggi l'articolo »

Il coordinamento HW4A invita il Parlamento europeo ad adottare principi etici di assunzione per il personale sanitario per fermare la fuga di cervelli nel personale sanitario

Bruxelles, 6 maggio 2015 – Quale ruolo può giocare il reclutamento etico ed una ripartizione equa degli operatori sanitari nei sistemi sanitari a livello regionale e globale? Quale ruolo gioca l’Europa nel garantire che la libertà di circolazione dei lavoratori del settore nel mercato unico non si traduca in un accesso iniquo ai servizi sanitari […]

Leggi l'articolo »

In evidenza

Crisi del personale sanitario: appello all’Europa e ai Governi

Il 5 giugno a Madrid la coalizione europea Health workers for all rappresentata in Italia da AMREF lancia un Appello alle istituzioni europee e nazionali per salvare l’assistenza socio-sanitaria attraverso il sostegno e la promozione delle condizioni di lavoro e di vita del personale sanitario in tutto il mondo, soprattutto in tempo di austerità. L’Organizzazione […]

Leggi l'articolo »

Condividi